Umbria

Diga sul Chiascio, inaugurati i primi invasi. “Opera importante per tutta l’agricoltura”

Diga sul Chiascio, la presidente Tesei e il vicepresidente Morroni presentano avvio invasi sperimentali a 40 anni dall’inizio dei lavori: tappa storica per un’opera strategica. Sottosegretario alle Politiche agricole Battistoni: giornata importante per agricoltura e territorio

“Per la diga di Casanuova sul fiume Chiascio, a distanza di 40 anni dall’avvio dei lavori, si apre finalmente la fase che la vedrà entrare gradualmente in funzione: un’opera di straordinaria importanza, settima per capacità di invaso in Europa, al servizio di una vasta area del territorio regionale, da cui trarranno molteplici benefici le comunità locali e l’economia regionale”.

Lo ha sottolineato la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, che questa mattina insieme al vicepresidente e assessore alle Politiche agricole e ambientali Roberto Morroni, ha presentato il completamento dei lavori e l’avvio della prima fase degli invasi sperimentali della diga, nel corso di un evento al quale è intervenuto il sottosegretario alle Politiche agricole Francesco Battistoni, in videocollegamento con Palazzo Donini.

“È stato finalmente raggiunto un primo traguardo per un’opera fondamentale, di grande interesse per la nostra regione – ha detto la presidente – e auspichiamo che ora si possa procedere con tempi ristretti alla messa in un funzione definitiva”.

“È una giornata importante per l’Umbria, per la sua agricoltura e il territorio, ed anche per il Ministero delle Politiche agricole – ha detto il sottosegretario Battistoni – impegnato a stanziare ulteriori risorse nel Piano nazionale di ripresa e resilienza per le opere idrauliche e il sistema idrico e irriguo. Con la presidente Tesei e il vicepresidente Morroni – ha aggiunto – è già avviata una proficua collaborazione e verrò con piacere in Umbria per mettere in campo altri progetti utili alla regione e all’agricoltura italiana”.

“Una giornata che segna una tappa storica per il futuro dell’Umbria, con l’inaugurazione dei primi invasi di una diga da cui deriveranno vantaggi straordinari per l’agricoltura umbra e sul fronte ambientale – ha rilevato il vicepresidente della Regione Morroni – Permetterà, infatti, di distribuire acqua in una porzione particolarmente rilevante del territorio regionale e disporre di acqua è poter contare su ‘oro’ per il presente e il futuro, per la valorizzazione delle produzioni agricole e l’apertura di nuove prospettive per un’agricoltura più forte. Sul fronte ambientale – ha proseguito – molti saranno gli impatti positivi, dalla messa in sicurezza delle comunità locali dal rischio esondazioni del fiume, al sensibile miglioramento del sistema idrologico su cui non graveranno più attingimenti poiché sarà utilizzata l’acqua dell’invaso, alle potenzialità di valorizzazione naturalistica e del paesaggio dello specchio lacustre della diga, lungo circa 20 chilometri, che sicuramente costituirà un elemento di forte attrattiva e caratterizzazione ambientale naturalistica”.

“La diga sul Chiascio – ha evidenziato fra l’altro il direttore regionale a Governo del territorio e ambiente della Regione Umbria, Stefano Nodessi Proietticon un volume previsto di 224 milioni di metri cubi di acqua, è in grado di mettere al sicuro per i prossimi 50 anni il territorio attraversato dal Chiascio da problemi di siccità o di alluvioni, grazie agli importanti interventi di laminazione effettuati, generando anche nuove opportunità di sviluppo, ad esempio per il Centro fieristico di Bastia Umbra che ricade nell’area fluviale”.

A ripercorrere la cronistoria e illustrare i passaggi che, nel giro di tre anni e mezzo, si prevede consentano di giungere all’autorizzazione della piena operatività dell’impianto, il presidente e il direttore dell’Euat-Ente Acque Umbre Toscane, concessionario dei lavori e della gestione della diga, Domenico Caprini e Andrea Canali.

“Per l’Ente Acque Umbre Toscane – ha detto il presidente Caprini, ringraziando i Ministeri delle Politiche agricole e delle Infrastrutture e tutta la struttura per il grande impegno e la professionalità nel portare a compimento un complesso lavoro – la diga di Casanuova sul Chiascio è il secondo ‘polmone’, dopo la diga di Montedoglio sul fiume Tevere, che vogliamo gestire per lo sviluppo dell’Umbria”.

Il direttore Canali ha ricostruito le varie e articolate fasi che hanno portato all’evento con cui viene celebrato l’avvio degli invasi sperimentali, dopo l’autorizzazione concessa dalla Direzione generale dighe del Ministero delle Infrastrutture.

“L’opera è costata circa 80 milioni di euro, stanziati dal Ministero delle Politiche agricole. L’altezza di ritenuta – ha detto fra l’altro – è di circa 68 metri, con un bacino idrografico di 471 chilometri quadrati. I lavori dello sbarramento sul fiume Chiascio nel territorio di Valfabbrica, su progetto esecutivo del 1971 che porta la firma di uno dei più importanti progettisti di dighe, l’ingegner Filippo Arredi, di Trevi, ebbero inizio nel 1981, con termine ufficiale nel luglio 1994. A causa di un fenomeno di frana – ha aggiunto – si è reso necessario un intervento di stabilizzazione del versante destro e un avanzamento dell’imbocco dello scarico di fondo per la sua messa in sicurezza. Interventi che si sono potuti avviare nel 2016 e sono stati ultimati nel 2019. Dopo il collaudo, di qualche giorno fa è l’autorizzazione che consente l’avvio della prima fase del programma di incremento dei livelli di invaso approvato con il progetto di sistemazione del versante destro. Il primo obiettivo è il raggiungimento di quota 305 metri, corrispondente a un volume di invaso di circa 52 milioni di metri cubi di acqua, limitato ma di assoluto interesse”.

Per il monitoraggio della diga sono stati installati un centinaio di strumenti di misura, “un sistema molto complesso e puntuale”.

I più importanti impieghi dell’acqua dell’invaso, come è stato evidenziato durante l’evento di presentazione, sono l’approvvigionamento idrico del sistema Perugino-Trasimeno, l’alimentazione degli impianti già realizzati nei distretti irrigui della Valle Umbra nei territori comunali di Spello, Foligno e Montefalco (finanziamento di circa 15 milioni di euro), degli impianti nella piana di Trevi e a Montefalco e Bevagna (35 milioni di euro) e la produzione di energia idroelettrica (per cica 7 MWh).

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici) e per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Privacy policy