Agri News

L’agricoltura 4.0 vale 100 milioni. Ma finora è poco diffusa

Dai sensori nei campi a quelli sui trattori, dai droni alla logistica controllata, dallo smart packaging alle etichette intelligenti: sono oltre 300 le applicazioni smart già diffuse in Italia tra produzione, trasformazione, distribuzione e consumo.

L’agricoltura 4.0 in Italia vale 100 milioni ma la diffusione di soluzioni “smart agrifood” è ancora limitata e oggi meno dell’1% della superficie coltivata complessiva è gestito con questi sistemi.

Molte piccole e medie imprese italiane si stanno attivando nella trasformazione digitale dell’agroalimentare, ma una forte spinta innovativa proviene dalle nuove imprese: dal 2011 a oggi sono nate 481 startup internazionali, di cui 60 italiane (pari al 12%0). E’ quanto emerge dalla ricerca dell’Osservatorio ‘Smart AgriFood’ della School of Management del Politecnico di Milano e del laboratorio Rise dell’Università di Brescia.

L’agroalimentare è “uno dei settori chiave per l’economia italiana, che contribuisce per oltre l’11% del Pil e per il 9% sull’export”, afferma Filippo Renga, Condirettore dell’Osservatorio Smart AgriFood, sottolineando che “le tecnologie digitali garantiscono più qualità dei prodotti e più efficienza nella filiera”.

Affinché queste tecnologie “dispieghino completamente il proprio potenziale, occorre che si realizzino alcune condizioni”, a partire “dall’estensione della banda larga ed extra-larga anche alle zone rurali per garantire l’interconnessione della filiera – avverte Andrea Bacchetti, condirettore dell’Osservatorio Smart AgriFood -. Poi, servono sensibilità, competenza e propensione all’investimento da parte delle imprese”.

Nei campi italiani vengono utilizzate soprattutto soluzioni che sfruttano l’Internet of things, big data, sistemi software di elaborazione e interfaccia utente. Tra le 220 soluzioni offerte da 70 aziende, censite dall’Osservatorio, l’89% supporta verticalmente l’agricoltura di precisione (che sfrutta IoT e big data analytics), mentre soltanto l’11% abilita l’Internet of farming (agricoltura interconnessa). La maggior parte delle soluzioni è utilizzabile a prescindere dal settore agricolo, mentre il 27% è specificamente rivolto all’ortofrutticolo, il 25% al cerealicolo, il 16% al vitivinicolo.

FONTE ANSA

(Photo by David Henrichs on Unsplash)

Lascia un commento

L’indirizzo e-mail non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici) e per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Privacy policy