Umbria

Psr, Cecchini: “Piena operatività degli uffici regionali per la gestione dei bandi”

Piena operatività degli uffici della Regione Umbria per portare a compimento gli impegni di spesa del Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020. L’assessore regionale alle Politiche Agricole, Fernanda Cecchini, intervenendo a Spoleto al convegno sui bandi del Psr per i comuni del cratere, ha rassicurato istituzioni locali e agricoltori: “La Regione, prima di entrare in regime ordinario, ha varato le delibere che consentiranno la totale operatività degli uffici che si occupano dei bandi – dice -. I territori non avranno conseguenze negative per quanto è accaduto in queste settimane a livello politico”.

“In seguito al terremoto abbiamo chiesto ottenuto che il Governo si facesse carico del cofinanziamento della programmazione europea che altrimenti sarebbe stato in carico alla Regione – spiega Cecchini -. Questo è un altro elemento che consentirà di velocizzare le pratiche amministrative dei bandi del Psr”.

Le procedure vanno avanti spedite e “i comuni che rientrano nel cratere del sisma del 2016 hanno tempo fino a luglio per accedere ai bandi aperti grazie ai 52 milioni di euro aggiuntivi derivanti dalla solidarietà delle altre Regioni italiane – continua Cecchini –. Lo sviluppo rurale è una risorsa per tutto il territorio. Questi finanziamenti consentono di fare agricoltura, potenziare il comparto agroalimentare, ma anche sostenere il tessuto sociale e le attività sportive facendo in modo che i territori rurali possano crescere attraverso l’innovazione”.
 
E’ stato poi Franco Garofalo, dirigente del Servizio Sviluppo rurale e Agricoltura sostenibile della Regione Umbria, ad approfondire tecnicamente i bandi Psr per il cratere attualmente operativi.

Si tratta:

  • del bando della Misura 4.1.1 per il “Sostegno a investimenti per il miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità globale dell’azienda agricola” che ha una dotazione di 4 milioni di euro;
  • del bando della misura 4.2.1 per il “Sostegno agli investimenti per la trasformazione, commercializzazione e/o sviluppo dei prodotti agricoli” con una dotazione di 4 milioni di euro;
  • del bando della Misura 6.1.1 “Aiuti all’avviamento di impresa per i giovani agricoltori” che ha una dotazione di 2 milioni di euro;
  • del bando della Misura 13.1.1 “Pagamento compensativo per le zone montane” con una dotazione di 7 milioni di euro;
  • e dei tre bandi delle Misure 14.1.1, 14.1.2 e 14.1.3 per i sistemi di allevamento di suini all’aperto, allevamento bovino, benessere degli animali per le filiere bovina da latte, da carne, ovicaprina ed equina per cui è prevista una dotazione di 5 milioni di euro.

Tutti i bandi sono in scadenza il 31 luglio 2019.

Potrebbe interessarti

Leggi di più

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici) e per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Privacy policy